Ad Menu

venerdì 24 ottobre 2014

Come vorrei: parliamone un po’

Come vorrei… che il singolo fosse stato un altro. Intendiamoci. Non mi iscrivo al partito dei critici ad ogni costo. E non penso nemmeno che la canzone sia brutta. Solo che, come singolo di esordio, mi aspettavo qualcosa di più forte. Speravo in qualcosa di più forte. Confidavo in una canzone capace di lasciare il segno. Di far dire alla gente: “E’ tornato”.

Invece ci troviamo di fronte ad una “Stammi vicino” 2.0, per quanto meglio riuscita. Una canzone un po’ anonima, quasi anodina. La musica (firmata da Tullio Ferro, anche se alla Siae esiste una “Al contrario di te” interamente firmata da Rossi) non è malvagia, nel ritornello la melodia è anche bella. L’arrangiamento è dichiaratamente pop. Il testo, ahimè, non è particolarmente ispirato, con Vasco che per la millesima volta ci vuol far sapere che “resta qui”.

Nel complesso la canzone la sufficienza la strappa anche, forse pure qualcosa di più, come pezzo qualunque in un disco qualunque ci poteva stare. Come singolo d’esordio, invece, decisamente meno.

Resta infine da dire del video, interamente in bianco e nero, girato alla diga di Ridracoli. Come atmosfera mi ha ricordato vagamente quello di “Liberi liberi”, impressione personale. La ballerina (in questo caso Valentina Moar, nella foto) è ormai diventata elemento imprescindibile nei video di Rossi e non poteva mancare nemmeno in questo. Un video che rispecchia un po’ la canzone: né bello né brutto, si lascia guardare, ma non si sente il bisogno di rivederlo.



Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille! Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

3 Comments:

scarpa said...

Al contrario di te credo che si tratti di un testo ispirato se si esce dalla facile lettura della "storia d'amore".
Una versione più forte è data dallo stesso video con una donna in fuga da questo mondo di "cemento" (la diga)verso un ritorno alla natura selvaggia, mentre vasco rimane ("io resto qui") aggrappato alle sue piccole certezze e non riesce a fuggire dalle "brutture" e contraddizionii della società contemporanea.

Zio Effe said...

Ma che ti vuoi aspettare da un mediocre come Vasco Rossi? Solo in Italia possiamo seguire certa gentaglia.

Anonimo said...

infatti Vasco è così mediocre che riempie 4 stadi per 4 giorni di fila, tu che hai mai fatto squallido saccente dei miei C....??