Ad Menu

martedì 24 giugno 2014

Un soundcheck un po’ esplosivo, un po’ commovente

Di ritorno da Roma, di ritorno da un soundcheck che mi ha lasciato decisamente soddisfatto. Certo, non tutto è perfetto, e ne parleremo nei prossimi giorni quando potremo scrivere la scaletta. Cosa che oggi non facciamo avendo firmato la liberatoria del fan club. In rete comunque si trova, se avete la curiosità non faticherete a reperirla. 

Come lo scorso anno, il concerto non è arrivato alla fine, ma la sensazione è che ci sia arrivato molto vicino. Considerando che il soundcheck è durato circa due ore e venti, si può dire che lo spettacolo visto ieri sera dai soci del fan club non sarà molto diverso da quello definitivo. 

I due nuovi musicisti hanno lasciato un’ottima impressione e Vasco è sembrato in ottima forma. Certo, ieri sera non ha “sparato” tutto e non aveva senso farlo. Ma non si è nemmeno risparmiato, nonostante davanti a se avesse uno stadio praticamente vuoto. Anche se rispetto al soundcheck di Torino dello scorso anno, la sensazione è che quest’anno ci fosse più gente. Si stava comunque tutti comodamente nel prato gold, quindi si parla pur sempre di poche migliaia di persone. 

Niente da dire sull’organizzazione: fila molto scorrevole per ritirare il braccialetto, decisamente più lunga per entrare, ma era stato specificato l’orario di apertura dei cancelli e quindi i tempi d’attesa potevano essere preventivati. Un soundcheck bello, mi è piaciuto. Domani sera la prima data e stamattina già c’era qualcuno accampato con le tende fuori dall’Olimpico: buon tour a tutti quanti!

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille! Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

0 Comments: