Ad Menu

martedì 11 giugno 2013

Il triste destino delle title track

Lasciamo da parte raccolte, live, singoli e dischi “estemporanei”. Vasco ha inciso sedici dischi in studio. Di questi due hanno titoli (Ma cosa vuoi che sia una canzone e Canzoni per me) slegati dalle canzoni dell’album, uno (Non siamo mica gli americani) che riprende una canzone ma senza averne lo stesso titolo e tredici che si intitolano come una canzone del disco. 

Solitamente le title track rappresentano il meglio della carriera di un artista e sono la colonna portante dei suoi concerti. Per Vasco la regola invece sembra non valere: nel tour di quest’anno, ad esempio, solo tre di queste canzoni fanno parte della scaletta. Le altre dieci (più una) sono rimaste nel cassetto.  

Siamo solo noi, C’è chi dice no e Gli spari sopra: e le altre? Alcune mancano da tempo immemore. Facciamo un ripasso (tra parentesi l’anno di uscita del disco), sperando che la memoria ci assista.
Faccio il militare
(1979, da cui è preso il titolo Non siamo mica gli americani), salvo qualche comparsata nella versione chitarra e voce, live non la ascoltiamo dal 1996;
Colpa d’Alfredo
(1980), salvo insignificanti accenni in anni più recenti, dal 2001;
Vado al massimo
(1982) addirittura dal 1983;
Bollicine
(1983) dal 2010;
Cosa succede in città
(1985) dal 2005;
Liberi liberi (1989) dal 2003;
Nessun pericolo per te
(1996, si è detto che sia stata provata quest’anno a Pieve di Cento, ma poi scartata) dal 1999;
Stupido hotel
(2001) dal 2010;
Buoni o cattivi
(2004) dal 2007;
Il mondo che vorrei
(2008) dal 2010;
Vivere o niente
(2011) dal 2011. 

Stupisce l’ostracismo nei confronti di canzoni che hanno fatto la storia del Blasco, come Colpa d’Alfredo, Vado al massimo e soprattutto Liberi liberi. Ma stupisce che manchino anche le ultime due title track, fra le cose migliori scritte da Vasco in anni recenti. Se per Vivere o niente si può ipotizzare che Rossi oggi non abbia voglia di cantare “io sto male”, più difficile trovare una giustificazione per l’assenza de Il mondo che vorrei, lasciata da parte già nel 2011. 

Starò meglio di così sì, ma questa no, questa no!

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille! Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

0 Comments: