Ad Menu

mercoledì 21 marzo 2012

L’altra metà del cielo: successo o flop?

Se per i concerti la caccia al biglietto fa controllare quotidianamente il sito di Ticketone per vedere se c’è in vendita qualche tagliando, altrettanto non si può dire per il balletto “L’altra metà del cielo” in procinto di debuttare alla Scala di Milano.

E allora cerchiamo oggi di rispondere ad una banale domanda: come stanno andando le prevendite? Data per data, riportiamo quindi la disponibilità complessiva di biglietti. Per evitare un post chilometrico, evitiamo la distinzione tra settori, segnalando solo il numero globale di tagliandi attualmente in vendita sul sito internet del Teatro. Peraltro, di biglietti economici sembra non esserci più traccia, anche se segnaliamo che il giorno di ogni spettacolo vengono messi in vendita 140 tagliandi di galleria. Ecco il riepilogo:

Sabato 31 marzo
: 0;
Martedì 3 aprile
: 117;
Mercoledì 4 aprile
: 99;
Giovedì 5 aprile
: 257;
Venerdì 6 aprile
: 144;
Sabato 7 aprile
: 235;
Mercoledì 11 aprile
: 380;
Venerdì 13 aprile
: 319.

Complessivamente restano disponibili 1451 biglietti, vale a dire una media di 181 o 207 per data (a seconda che si consideri o meno la prima del 31 marzo, già esaurita). Successo o flop? Per rispondere bisognerebbe conoscere la media delle presenze per i balletti alla Scala. Ahimè, un dato di cui non siamo in possesso.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

1 Comment:

Anonimo said...

Bhè, se calcoliamo che La Scala ha una capienza di 2.013 posti, moltiplicate per le 8 date il risultato è di 16.104 posti disponibili per questo evento; Se pensiamo al fatto che il "Protagonista" non è presente sul palco, che la "maggioranza" dei suoi fans non sono propriamente amanti del Classico ed infine che sono stati prenotati posti tanti quanti per la Tosca di Puccini....credo che di flop non si possa proprio parlare; anzi, parlerei di successo per un Rocker come Vasco che è riuscito ad attirare oltre ai suoi fans un pubblico differente.