Ad Menu

sabato 6 agosto 2011

Le confessioni di Vasco

Avevo in mente oggi di scrivere un post di tutt’altro genere (che magari rimandiamo a domani) quando accendendo poco fa il computer mi sono imbattuto nelle ultime esternazioni di Vasco.

Ancora una volta affidate a quel grande magma virtuale che è Facebook, dove ogni cosa sembra poter inspiegabilmente convivere, dalla più assoluta idiozia alla confessione a cuore aperto di chi ti sbatte in faccia che assume (da tempo) “un cocktail di antidepressivi, psicofarmaci, ansiolitici, vitamine e altro, studiato da una equipe di medici, che mi mantiene in questo “equilibrio” accettabile”. E’ il Vasco che non ti aspetti, anche se più in volta in passato già aveva accennato al suo male di vivere, quello che racconta “le consapevolezze, le sofferenze e la profonda depressione nella quale ero sprofondato nel 2001”.

Poco dopo Vasco è tornato a postare su Facebook per ribadire che la sua “straordinaria avventura di rockstar è felicemente conclusa”. Ma anche per spiegare, per chi non l’avesse ancora capito, che continuerà comunque a scrivere canzoni e fare concerti: “Voglio trovare nuove maniere, nuovi modi, cambiare le vecchie regole anche nel modo e nei tempi di uscita delle mie canzoni”. Lo stesso Vasco anticipa che presto pubblicherà “I soliti” (la data d’uscita dovrebbe essere il 6 settembre).

Le dichiarazioni di Rossi sono ovviamente state riprese in un battibaleno da tutte le testate online. Qualche titolo: “Vasco Rossi: sono vivo grazie alla chimica”, “Vasco Rossi: tra psicofarmaci e depressione in una lettera ai fan” e molti altri dello stesso tenore. Mi piace la prima riga di quello de Il Fatto Quotidiano: “Vasco Rossi, amico fragile su Facebook”:



Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

0 Comments: