Ad Menu

venerdì 26 agosto 2011

I soliti: ma che bella è?

Annunciata per lunedì, nelle radio e in digitale, ecco a metà pomeriggio, quindi con tre giorni di anticipo, arrivare I soliti: manco a dirlo è stato lo stesso Vasco a postare la sua nuova canzone sulla sua pagina Facebook.

Se ne L’aquilone citava Vado al massimo, stavolta ovviamente la mente corre subito a Liberi liberi. Al di là delle spiegazione dello stesso Vasco che definisce la canzone “la Siamo solo noi di oggi”. La canzone, scritta insieme a Gaetano Curreri e Saverio Principini, chiuderà il docu-film Questa storia qua. Definizioni, firme e citazioni a parte, un solo commento: ma quanto è bella?

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

4 Comments:

Egidio said...

Credo che la canzone esploda in tutta la sua bellezza nel ritornello, ma è complessivamente una gran bella canzone, spericolata, libera e sincera. Mi sembra di ascoltare un vecchio successo, una di quelle canzoni che ti mettono i brividi sempre, già dal primo ascolto. Mi viene in mente Vivere, mi suscita sensazioni simili. Un piccolo neo però è la somiglianza della chitarra con Iris dei Goo Goo Dolls, ma la similitudine finisce lì. Una canzone di molto superiore alla media dell'ultimo album.

Di Vita Marco said...

Mi sono emozionato caro Marco ascoltando questo brano, lo trovo semplicemente MERAVIGLIOSO!!!!!!!

Max said...

ricorda molto x la chitarra le vecchie canzoni di vasco dei primi anni, tipo quindiciannifa o volo' via... quelle li insomma. ma e' un capolavoro assoluto, una pietra di rara bellezza nelle mediocri canzoni degli ultimi album (non tutte ovviamente, anzi, ma di mediocri ne ha fatte eccome il caro Vasco).
veramente bella! anche la nuova albachiara che vasco ha postato su facebook qualche giorno fa e' strastupenda. ecco, se la nuova strada e' questa... mamma mia! vasco e ancora e sempre e solo vasco!!!

alibi68 said...

Un Vasco veramente straordinario, c'è poco da dire. E pensare che qualcuno dice che "è arrivato al capolinea"!