Ad Menu

martedì 4 gennaio 2011

Dieci anni di Vasco Rossi (part three)

Concludiamo la nostra carrellata nel decennio vascorossiano con gli anni più recenti. Nel 2008 Vasco torna nei negozi di dischi con “Il mondo che vorrei”. Si conclude così un’attesa durata quattro anni, la più lunga nella carriera del Blasco, pari solo a quella tra il 1989 e il 1993, ovvero dall’uscita di “Liberi liberi” a quella de “Gli spari sopra”. Il nuovo disco fa molto parlare anche per la collaborazione con Slash, che suona la chitarra in “Gioca con me”. Manco a dirlo, il tour successivo fa registrare il sold out ovunque: parte con la data zero di Genova, passa dal Parco San Giuliano di Venezia per rimediare all’involontario forfait dell’anno precedente, espatria a Locarno in Svizzera e si conclude ad ottobre inoltrato a Torino. Vasco sorprende un po’ tutti aprendo i concerti con una frase di Spinoza e con il ripescaggio di “T’immagini” che alla fine diventerà a furor di popolo la canzone del tour. A cavallo tra il 2008 e il 2009 si chiude un’epoca: il fan’s club invia infatti ai soci il numero 50 della fanzine “Il Blasco”, l’ultima in formato cartaceo. Da lì in avanti il fan’s club si trasferirà esclusivamente nell’area riservata del sito ufficiale.

Il 2009 si apre con l’uscita del dvdIl mondo che vorrei live”, con le immagini girate nel corso delle due date di Bologna del settembre 2008. Poi arriva l’annuncio della partecipazione di Vasco al concerto romano del 1° maggio: in Piazza San Giovanni il Blasco canterà dieci canzoni davanti ad una folla infinita, compresa la cover dei CorviUn ragazzo di strada”. E per l’occasione cambia la band: il Gallo è infatti costretto a rinunciare perché reduce da una grave malattia, il suo posto al basso per l’occasione viene preso da Tony Franklin. Passano due mesi ed ecco un nuovo annuncio destinato a fare rumore: in autunno Vasco tornerà a suonare nei palazzetti, il nuovo tour durerà un anno e ci saranno anche alcune date all’estero. A fine settembre le radio iniziano a trasmettere “Ad ogni costo”, nuova canzone di Vasco, testo inedito sulla musica di “Creep” dei Radiohead. Il 2 ottobre parte il tour con la data zero di Mantova: prima della fine dell’anno ci saranno altri quattordici concerti, tra Pesaro, Ancona e Caserta. Il 2009 si conclude infine con l’uscita di “Tracks 2”, raccolta che contiene tre inediti: la già citata “Ad ogni costo”, “Ho fatto un sogno" e “Sto pensando a te”.

Il 2010 è storia recente. Il tour riparte con le tappe di Milano e Torino, poi Vasco espatria ed a maggio suona a Londra, Bruxelles, Zurigo e Berlino. Inatteso, il 22 giugno esce “Vasco London Instant Live”, doppio cd con la registrazione del concerto londinese. In autunno infine si conclude il tour lungo un anno con i concerti di Cagliari, Bologna, Bolzano e Firenze. Suonate le ultime note Vasco si prende un periodo di riposo e poi si trasferisce a Los Angeles per rifinire il nuovo disco: uscirà il 29 marzo, sarà il primo di un nuovo decennio.

La sorpresa del 2008 è il medley acustico:


Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

0 Comments: