Ad Menu

sabato 10 luglio 2010

La maledizione di “Senza parole” e castronerie assortite

E meno male che questa volta c’era anche il bollino con scritto “contiene la ristampa della versione originale del cd SENZA PAROLE”.

In realtà, ai geni che curano queste uscite sarebbe bastato dare un’occhiata alla durata indicata sul cd (4’ 59’’) e poi leggere quella che appare una volta che lo stesso viene inserito nel lettore (4’ 42’’) per capire che non della versione originale si tratta. Troppo complicato, dite?

Certo, non siamo ai livelli di qualche settimana fa, quando addirittura il cd allegato a “Il Blasco Story” conteneva il remix della canzone, ma anche questa volta la “versione originale” è solo una bella favola.

E dire che ai geni che curano queste uscite sarebbe bastato leggere il numero 2 de “Il Blasco Story” per capire che qualcosa non quadrava. Celso Valli spiega la genesi di “Senza parole”: “Ho pensato a quest’inizio un po’ “housiano”, ritmato, che è una parte abbastanza insolita...”. Peccato che l’inizio “housiano” sia bellamente scomparso in questa “ristampa della versione originale”.

Quello che è successo in realtà è facilmente spiegato: la ristampa uscita ieri in edicola contiene la versione di “Senza parole” inserita in Tracks nel 2002. Monca dell’introduzione iniziale. Cosa che i geni che curano queste uscite, ovviamente, bellamente ignorano. Perché poi nel 2002 la canzone venne mutilata, invece, resta un mistero.

Ma d’altra parte come sorprendersi, se oggi il sito ufficiale di Vasco pubblica un amarcord dei concerti di Milano e Roma del 1990, a vent’anni di distanza, data il concerto del Flaminio 11 luglio (invece fu il 14 luglio) e definisce l’album “Fronte del palco” il “documento storico di quelle due serate”. Senza parole, appunto.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

3 Comments:

cisco said...

una cosa sconcertante...
manco il nostro premier riesce a fare tante porcate tutte assieme come questo sabato di luglio!!
ah annota pure che non hanno nemmeno citato bolzano..come non esistesse!

Max said...

senza parole.
scusate, ma c'e' ancora qualcuno che compra questi cd???

Anonimo said...

Mi dispiace per tutti quelli che ci tenevano ad avere questo cd molto raro e che tale continuerà ad essere visto questo nuovo errore.
Se non altro manterrà quel valore che Vasco gli aveva voluto dare regalandolo ai soci del Fan Club.
Alberto