Ad Menu

martedì 16 febbraio 2010

Vale la pena siiiiiiiiiii

Il titolo è la risposta alla domanda se vale la pena vedere due concerti di Vasco nel giro di dieci giorni. Decisamente sì. Ieri sera è andato tutto dritto, un tassello dopo l’altro, il mosaico è venuto perfetto. La gabbia più sofferta di sempre, solo alle 20.30 il cerbero di turno apre il varco per far passare chi da un paio d’ore è in attesa.

L’inizio così. Un problema tecnico (presumo) che costringe Vasco ad un paio di minuti di pausa, sul palco, prima di “Sto pensando a te”. Un pezzo dopo l’altro la serata decolla. Il delirio, in gabbia, su Delusa. Lo spazio si dilata. Il discorsetto ormai di rito dopo Deviazioni. Si aprono varchi impensati. Quando Vasco imbraccia la chitarra sono davanti a lui. I tre metri dal medley, questa volta, non sono metaforici, ma letterali. Sally e poi Jenny. Niente Dillo alla luna.

Così non l’ho mai visto. Da vicino sì, tante volte. Ma così mai. A Vasco ridono gli occhi, mentre canta. A noi, sotto di lui, ride il cuore.

Io perderò”, 10 febbraio 2010:


Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

0 Comments: