Ad Menu

giovedì 31 dicembre 2009

Auguri di un 2010... Atuttovasco!

Se ieri abbiamo tracciato un bilancio di quello che è stato il 2009 vascorossiano, oggi ci proiettiamo nel 2010, anno che si preannuncia altrettanto ricco per i fans del Blasco.

I primi appuntamenti sono già fissati: otto concerti al Forum di Assago dal 5 al 21 febbraio ed altri otto concerti al PalaOlimpico di Torino dal 6 al 22 aprile. Maggio invece sarà il mese dei concerti all'estero: dal 4 al 16 Vasco suonerà a Londra, Bruxelles, Zurigo, Berlino e Barcellona. Altri otto concerti sono già ufficialmente previsti per il prossimo autunno: quattro a Bologna, dal 22 al 28 settembre, e quattro a Firenze, dal 12 al 18 ottobre.

Fin qui, le cose già ufficiali. E poi? Possibile che venga aggiunta qualche altra data a Bologna e Firenze. E devono ancora essere ufficializzate le date di Cagliari e Livorno. Per Cagliari si parla del 18 settembre, e potrebbe essere un concerto all'aperto. Livorno invece dovrebbe concludere il tour, l'appuntamento potrebbe essere per il 22 e 23 ottobre del prossimo anno.

E la prossima estate? Ipotesi e voci si sprecano. Molto credo dipenderà dall'eventuale uscita di un nuovo disco. Del quale si parla da un po' e che dovrebbe essere (quasi) pronto. D'altra parte che Vasco stia lavorando in tal senso lo dimostra il recente viaggio a Los Angeles largamente testimoniato dal sito ufficiale. Se il disco dovesse uscire prima dell'estate, magari dopo le tappe europee del tour, si può pensare anche ad uno o più concerti evento per promuoverlo. Potrebbe essere anche l'occasione per risarcire Roma, completamente esclusa dal tour, e magari qualche città del sud, visto che il meridione è stato toccato solo con Caserta. Più difficile è invece pensare a degli eventi estivi in assenza di un disco nuovo, ma non per questo mi sento di escludere del tutto questa possibilità. Ovvio, resta anche in piedi l'ipotesi che dopo il concerto di Barcellona Vasco saluti tutti, se ne vada in vacanza e si ripresenti al pubblico a Bologna il 22 settembre.

Detto del disco, resta da capire se anche dal tour in corso verrà ricavato un dvd. Da tempo si parla della data di Berlino come quella scelta per le riprese. Lo scopriremo il 12 maggio.

Insomma, la carne al fuoco non manca. Ed allora, non mi resta che augurare a tutti i nostri lettori, un 2010... Atuttovasco!

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

mercoledì 30 dicembre 2009

Un anno di Vasco

Si avvia alla conclusione il 2009, anno che è stato ricco di notizie e novità per i fans di Vasco. Dopo un 2008 caratterizzato da disco e tour, in molti pensavano a dodici mesi di (quasi) riposo. Invece il Blasco ha smentito tutti: tra concerti, dischi e dvd i fans non hanno certo avuto modo di annoiarsi. E allora ricapitoliamo cosa è accaduto nel mondo di Rossi in questo 2009.

L'anno si è aperto con l'annuncio della chiusura della fanzine "Il Blasco": i soci del fans club hanno ricevuto l'ultimo numero della rivista con in allegato un dvd. Si chiude un'era e se ne apre un'altra, quella dell'area riservata sul sito ufficiale.

Il 13 marzo esce il dvd de "Il mondo che vorrei", mentre sette giorni dopo vedrà la luce il nuovo disco degli Stadio "Diluvio universale": la canzone che dà il titolo al disco porta anche la firma di Vasco. Il 12 marzo il dvd viene proiettato in anteprima per i soci del fans club in cinque cinema di Milano, Bologna, Roma, Napoli e Messina.

Il 1° Maggio un pubblico da record attende l'esibizione del Blasco in Piazza San Giovanni, a Roma. Al basso non c'è il Gallo, sostituito da Tony Franklin. Questa la scaletta proposta: Stupendo - Non appari mai - Vieni qui - Un ragazzo di strada - T'immagini - Sally - C'è chi dice no - Gli spari sopra - Il mondo che vorrei - Un senso.

Il 1° luglio arriva l'ufficialità del nuovo tour di Vasco. Pochi giorni dopo si aprono le prevendite, con la novità del diritto di prelazione per i soci del fans club per alcune date. E' l'8 luglio e finalmente si conosce almeno una parte delle date del tour. Il 25 settembre le radio iniziano a trasmettere "Ad ogni costo", nuovo singolo di Vasco, cover di "Creep" dei Radiohead.

Il 2 ottobre finalmente parte il tour con la data zero di Mantova. Il successo è immediato e la scaletta riscuote unanimi consensi, soprattutto grazie al lungo medley acustico finale, che vede Vasco addirittura cantare da solo due canzoni insieme alla sua chitarra. Seguiranno altre quattro date a Pesaro, quattro ad Ancona e sei a Caserta. E proprio l'ultima concerto di Caserta, con la scivolata di Vasco sul palco alla fine di Albachiara, farà a lungo parlare.

Il resto è storia recente: il 27 novembre esce "Tracks2": cd+dvd, due nuove canzoni, qualche rarità e diversi pezzi recuperati da un lontano live del 1996.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

lunedì 28 dicembre 2009

Mercoledì 30/12 alle 16 "Solo Vasco" su Rai Storia

Mercoledì pomeriggio alle ore 16 Rai Storia trasmetterà "Solo Vasco". In scaletta, secondo la guida della rete, "Esclusivi dietro le quinte dei concerti, rarità selezionate in rete e poi… SOLO VASCO, documentario nel quale l artista decide di raccontarsi". Lo speciale è già stato trasmesso la sera di Santo Stefano.

Con ogni probabilità dovrebbe trattarsi di una replica della puntata che un anno fa "La storia siamo noi" dedicò al Blasco, con forse qualche piccola integrazione.

Rai Storia può essere vista sul digitale terrestre o sul canale 805 della piattaforma satellitare.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

giovedì 24 dicembre 2009

Buon Natale da Atuttovasco!

Oggi niente news su Vasco, né commenti, e nemmeno si parla di pizze. Oggi solo l'augurio a tutti voi, lettori fedeli od occasionali, di trascorrere un ottimo Natale ed un altrettanto ottimo Santo Stefano Protomartire!

Anche il blog si prende un paio di giorni di vacanza, pronto a ripartire la settimana prossima per continuare a condividere con tutti voi la passione per il Blasco!

martedì 22 dicembre 2009

Chiuso per ferie

Anche quest'anno, come tutti i Natali, la Pizzeria Verdi a Tutto Vasco si prende qualche giorno di meritato riposo.

Ci sarà abbondanza di ravioli, cotechino, panettone e spumante, ma per un paio di settimane dovremo rinunciare alle nostre amate pizze.

Il locale riaprirà giovedì 7 gennaio, pronto nuovamente a soddisfare il palato dei più sofisticati buongustai.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

lunedì 21 dicembre 2009

Uno spettacolo teatrale con le musiche di Vasco

Si chiama "Nemico di classe", è prodotto da "The Kitchen Company", il testo è di Nigel Williams, la regia di Massimo Chiesa. E la colonna sonora è composta dalle canzoni di Vasco.

La storia racconta alcune ore di sei ragazzi chiusi dentro ad un'aula scolastica di una scuola di periferia di una grande città. Così il regista definisce "Nemico di classe": "Un grido di allarme contro questa demenziale violenza, contro questo dilagante razzismo, contro l’ignoranza del ragazzino di periferia e contro la stessa ignoranza di alcuni politici della nostra Repubblica".

Le date? Il 14 febbraio 2010 al Teatro Comunale di Bomporto (MO), dal 16 febbraio al 7 marzo al Teatro Italia di Roma, dal 25 al 27 marzo al Teatro Sociale di Brescia.

Per maggiori informazioni cliccare qui: The Kitchen Company

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

venerdì 18 dicembre 2009

Vasco ospite al Festival di Sanremo?

Basta un lancio di agenzia (Adnkronos) per ritenere possibile un ritorno di Vasco sul palco dell’Ariston? La news pubblicata ieri lascia intendere che il Blasco sia in cima alla lista dei desideri del direttore artistico Gianmarco Mazzi per la serata di giovedì 18 febbraio, serata che si chiamerà “quando la musica diventa leggenda” e che vedrà otto grandi artisti scegliere, arrangiare e reinterpretare la canzone da loro più amata, tra tutte quelle presentate in 59 edizioni del Festival. Mazzi era direttore artistico anche nel 2005, anno dell’ultima apparizione di Vasco a Sanremo.

Possibilità di un ritorno? A mio parere non molte. All’epoca il Blasco fece capire che quella sarebbe stata la sua ultima partecipazione festivaliera. Inoltre, in quel periodo, Rossi sarà nel bel mezzo della tappa milanese del suo tour: suonerà al forum di Assago martedì 16 febbraio e poi sabato 20 febbraio. E’ pensabile un intermezzo rivierasco?

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

giovedì 17 dicembre 2009

"Sto pensando a te" è il nuovo singolo di Vasco

Entrerà domani nella programmazione di tutte le radio "Sto pensando a te", scelto come nuovo singolo di Vasco. La canzone è stata preferita a "Ho fatto un sogno", forse perché giudicata poco consona con il periodo natalizio.

Nel dare l'annuncio, il sito ufficiale spiega che "Sto pensando a te" inaugura "lo speak easy sound che nasce dal sole e dall'energia musicale che respira quando è a Los Angeles". Frase della quale mi sfugge il significato, ma poco importa.

Scrive inoltre il sito ufficiale: "Sono aperte le scommesse per quanti la vorranno vedere nella scaletta dell'indoor tour che riparte da febbraio con le date di Milano".

Mi piacerebbe sapere cosa ne pensano a proposito i lettori del blog.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

mercoledì 16 dicembre 2009

La prossima cover di Vasco?

In un'intervista rilasciata qualche giorno fa al sito ufficiale, Vasco esprime rammarico per non aver inserito in Tracks2 la cover di Supermarket di Lucio Battisti, in merito alla quale dice: "L'ho cantata una sola volta al Premio Tenco quando mi hanno premiato". Il rammarico è anche il nostro, era una gran bella cover. Fra l'altro Vasco cantava Supermarket anche nel 1980, nel corso di quello che fu uno dei primi tour della sua carriera.

Vasco dice poi di pensare ad altre cover per il futuro. "Una è "Sono Buono" degli Skiantos", afferma il Blasco. La canzone è contenuta nell'album "Kinotto", uscito nel 1979. Confesso la mia totale ignoranza, si tratta di un pezzo che non ho mai sentito in vita mia.

Ma grazie ai potenti mezzi di Youtube, eccolo qui per tutti i nostri affezionati lettori:


Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

lunedì 14 dicembre 2009

Gli spari sopra sono per noi

Sabato sera rientro già di pessimo umore a casa dopo la tragica visione di Bari-Juventus, accendo la tv, pigio 5, e rimango ipnotizzato da quallo che si preannuncia come il programma più trash della stagione: Italia's Got Talent.

Che c'entra con Vasco? C'entra, per diana, c'entra. Perché ad un certo punto appare una certa Angioletta Villella che ci regala una versione de "Gli spari sopra" come mai l'avete immaginata.

Mai come questa volta, gli spari sopra sono per noi....


Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

venerdì 11 dicembre 2009

Dodi Battaglia racconta la sua collaborazione con Vasco

Per gentile concessione di Massimo Poggini, che ringraziamo sentitamente, pubblichiamo uno stralcio del libro “Pooh I nostri anni senza fiato”. Dodi Battaglia, chitarrista della band, racconta la sua collaborazione con Vasco, che lo portò a suonare la chitarra in tre canzoni del Blasco e a cantare un pezzo firmato da Rossi (Più in alto che c’è). Buona lettura.

Dodi parla della canzone “Più in alto che c’è”, brano del 1985

DODI: «Ero di ritorno dalle Hawaii. Lì, nei ritagli di tempo, avevo scritto una serie di pezzi da inserire nel mio primo album solo. Siccome in quel periodo avevo collaborato con Vasco Rossi incidendo le parti di chitarra di Una canzone per te, gli chiesi di scrivermi un testo. Gli detti due o tre brani dicendogli di scegliere quello che gli piaceva di più. Lui scelse questo.
A far da tramite tra me e Vasco è stato Maurizio Biancani. Era il fonico della Fonoprint, dove Vasco aveva inciso i suoi ultimi album, e che i Pooh avevano iniziato a usare. Stavano cercando un chitarrista per fare degli arpeggi di chitarra in Una canzone per te, lui suggerì il mio nome e Guido Elmi mi chiamò immediatamente. Tieni conto che con Guido ci conoscevamo fin da quando eravamo ragazzini: abbiamo frequentato la stessa scuola alle superiori. Poi ci siamo persi di vista.
Comunque mi convocarono in studio. Io ci andai portandomi la mia Telecaster, che poi è la stessa che continuo a usare ancora oggi in tournée. Mi collegai direttamente al banco, saltando l’amplificatore: in teoria sarebbe dovuto venir fuori un suono orrendo, in realtà Biancani, che è un mago, lo rese molto interessante. Quell’arpeggio è venuto fuori in mezz’ora e ritengo che sia molto bello da ascoltare ancora oggi.
L’anno dopo mi richiamarono per Va bene va bene così. Ricordo che ero in sala con Claudio Golinelli e Lele Melotti. Vasco aveva detto che voleva raggiungerci in sala perché voleva cantare in diretta. Noi siamo stati lì più di un’ora a provare il pezzo. Guido Elmi era andato a casa di Vasco per cercare di accelerare i tempi. Ma passa un’ora, ne passano due e di Vasco nemmeno l’ombra. A un certo punto decidemmo di iniziare a incidere. Biancani mi disse: “Senti, giusto per avere un riferimento, canta tu”. Lo feci e credo che se qualcuno ha conservato quella registrazione potrebbe ricattarmi per tutta la vita: non c’è niente di più comico della versione di Va bene va bene così cantata non da Vasco ma da me… Successivamente avrei collaborato con Vasco ancora una volta, stavolta suonando la chitarra in Toffee».


Più in alto che c’è:


Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

mercoledì 9 dicembre 2009

Considerazioni sull'ufficiale

Come molti di voi avranno notato, da qualche giorno il sito ufficiale di Vasco ha cambiato veste grafica. Il nuovo aspetto mi piace e un restyling era necessario. Peccato che sia sparita la sezione dedicata alla discografia, ma penso che prossimamente verrà rimessa, probabilmente vorranno fare un po' d'ordine anche in questa pagina. Alla luce di alcuni fatti accaduti negli ultimi giorni, mi permetto però di avventurarmi in un paio di considerazioni.

Quando il 3 dicembre ho letto la risposta di Tania Sachs a quanto scritto da tale Alessandro Alfieri sul portale supereva.it mi sono trovato in pieno accordo con l'ufficio stampa di Vasco. Tale scritto era nello stesso tempo un mix di supponenza e vuoto di contenuti che meritava una risposta mirata. Ho capito invece meno la necessità di pubblicare, nei giorni successivi, addirittura altre tre risposte. A mio modo di vedere si è finito così per ingigantire un caso che, se ignorato o considerato nelle giuste proporzioni, sarebbe rimasto sepolto nei meandri della rete. Ieri poi ad intervenire è stato Vasco in persona, nello "Spazio Komandante". Rossi risponde ad un insulto letto in rete, nega per l'ennesima volta le dicerie che lo riguardano sul sud, e poi assicura che in tutto quello che fa ci mette "cuore, anima, onestà e salute". Fin qui niente da dire. Il finale però mi lascia un po' perplesso: "Voi abili a ...chattare, re-censire, confondere e insultare, che cosa ci mettete?". Mi sembra che, inserire nello stesso calderone chi chatta e recensisce, e chi insulta, sia profondamente scorretto. Ritengo che chiunque abbia tutto il diritto di questo mondo di proporre una propria recensione dei lavori di Vasco, positiva o negativa che sia. Penso che lo stesso Vasco, e chi per lui lavora, dovrebbero tenere di gran conto le opinioni che i suoi fan pubblicano in rete, perché arrivano dal suo zoccolo duro, da quella fetta di pubblico che lo segue magari da anni e che quando scrive di Vasco lo fa con cuore e passione. La differenza tra una recensione (anche negativa) ed un insulto è abissale. Confondere le due cose non è in alcun modo accettabile.

L'altra considerazione è relativa alla presenza, in home page, di un banner che rimanda al forum "vascodentro". In quattro anni siamo passati dalle diffide ad una sorta di riconoscimento ufficiale e questo non può farmi che piacere. Detto questo, e premesso che trovo "vascodentro" un ottimo forum, la domanda che mi pongo è questa: perché quel forum e non un altro? Perché solo quel forum? Lo dico, e voglio che sia chiaro senza alcuna vena polemica, perché davvero non capisco i motivi che hanno portato il sito ufficiale a pubblicizzare un sito non ufficiale e non altri, che giudico meritori quanto meno della stessa attenzione. E' una scelta definitiva? Ci sarà spazio anche per altri banner in futuro? Domande al momento senza risposta.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

lunedì 7 dicembre 2009

Primo maggio, esce cofanetto con doppio dvd, cd e libro

Il cd del concerto del Primo Maggio, distribuito a metà settembre in allegato al Messaggero, è rimasto per molti una chimera. Il disco infatti lo si poteva trovare solo nel Lazio, in tutte le altre zone d'Italia (a quanto mi risulta) non è mai arrivato. Ora c'è però la possibilità di recuperare. Viene infatti pubblicato un cofanetto che contiene il cd, un doppio dvd ed un libro.

Il contenuto del cd è lo stesso di quello distribuito con il Messaggero, e contiene quindi anche "Il mondo che vorrei". I due dvd invece ripercorrono le tappe della giornata, con immagini anche delle prove, del backstage e della conferenza stampa alla quale, lo ricordiamo, partecipò anche Vasco. Infine, il libro viene definito "la testimonianza della sensibilità e dell'affetto del pubblico del concertone". Il prezzo dovrebbe aggirarsi intorno ai venti euro, nella speranza di una distribuzione migliore.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

sabato 5 dicembre 2009

Da Vasco ai Pooh, il ritorno di Massimo Poggini

Dopo aver scritto il più bel libro della storia dedicato a Vasco e dopo l'ottima biografia uscita lo scorso anno su Ligabue, Massimo Poggini torna in libreria con un volume interamente dedicato ai Pooh. Il libro si intitola "Pooh I nostri anni senza fiato", edito da Rizzoli, costa 49 euro.

Dalla presentazione pubblicata sul sito della casa editrice: "Questo volume è una vera e propria autobiografia per parole e immagini in cui i Pooh raccontano senza reticenze e in presa diretta i loro “anni senza fiato”: contiene gli autoritratti, un’intervista a quattro voci, i loro commenti più personali e intimi canzone per canzone (una cavalcata entusiasmante lunga oltre 300 titoli) e ancora foto, materiali personali e d’archivio e memorabilia molto spesso inediti e straordinari. E, come se non bastasse, uno specialissimo “bonus track”: l’eccezionale diario corale dell’ultimo tour".

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

giovedì 3 dicembre 2009

Maurizio Solieri e i Deep Purple

Abbiamo dato qualche giorno fa la notizia che Maurizio Solieri avrebbe aperto i concerti italiani dei Deep Purple. Con lui sul palco saliranno il Gallo, Mimmo Camporeale, Adriano Molinari (batteria) e Michele Luppi.

In previsione degli ormai imminenti concerti, Solieri ha lasciato un commento al sito www.deep-purple.it nella quale afferma che "è un grande onore aprire per uno dei gruppi con cui sono cresciuto musicalmente fin da adolescente".

Nell'occasione Solieri presenterà il singolo "Money", che anticipa l'album di inediti la cui uscita è previta nei primi mesi del 2010. Il disco avrà dieci canzoni, cinque cantate da Solieri ed altrettante strumentali. Genere? Hard rock, blues, acustico...

Ricordiamo le date dei Deep Purple in Italia:
10 dicembre – Palaonda – Bolzano
11 dicembre – Palazzo del Turismo – Jesolo (VE)
12 dicembre – PalaLottomatica – Roma
14 dicembre – PalaEvangelisti – Perugia
15 dicembre – Mediolanum Forum – Milano
16 dicembre – Paladozza – Bologna

Per leggere tutto l'articolo cliccare qui: Deep Purple Italia

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

mercoledì 2 dicembre 2009

Venerdì 4, Tropico del Blasco live in Gattorna

Torniamo a segnalare un nuovo appuntamento con i Tropico del Blasco, la band genovese capitanata da Andrea Di Marco. Il prossimo concerto è in programma venerdì prossimo, con inizio alle ore 22, all'Alzati Lazzaro di Gattorna.

Dopo un anno i Tropico tornano dunque nel locale fontanino, a proporre il loro spettacolo, interamente dedicato alla musica di Vasco. Nel menù vecchie e nuove canzoni, per una serata a tutto rock!

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.