Ad Menu

lunedì 30 novembre 2009

Tracks2, il dvd: io la vedo così

Rivedere le immagini del tour '96 mi ha emozionato, anche se ci sono almeno un paio di difetti. Il primo: le immagini sono prese da concerti diversi, in alcuni frangenti è quasi imbarazzante vedere Vasco vestito in un modo e un secondo dopo in un altro. Ma il difetto più grosso è stato quello di non mettere l'intero concerto. Per quale motivo è un vero mistero.

La prima canzone che manca è "Liberi liberi", che in scaletta figurava tra Colpa d'Alfredo (bello il duetto con Massimo Riva e il Gallo!) e "La noia". A volte penso che Vasco odi quella che io invece ritengo una delle sue più belle canzoni. Dal vivo non la fa mai e la toglie pure da un dvd di tredici anni fa. Mah. Poi manca tutto il finale, in totale altre sette canzoni: Fegato spappolato, Bollicine, Vivere, Siamo solo noi, Vita spericolata, Canzone (o Faccio il militare, erano in alternativa a seconda delle date) ed Albachiara. Che peccato, non credo sarebbero andati in rovina mettendo otto canzoni in più. E proprio in estrema alternativa, nel cd non poteva esserci l'audio di queste canzoni, assenti nel dvd??

Per quanto riguarda gli extra, i video de "Gli angeli" e di "Ad ogni costo" (per inciso, meglio il video della canzone!) potevano anche essere evitati. Meglio i backstage, anche se troppo troppo brevi. Bella invece l'idea di mettere un video delle prove di "Un ragazzo di strada" a Pieve di Cento. Sarebbe stata una grande cosa avere il video integrale di "Amico fragile" ed invece ci dobbiamo accontentare della photogallery. Chissà, forse ci sono problemi di diritti sulle immagini, altrimenti la scelta non si spiega.

La versione di Rewind ripresa dagli occhiali di Vasco è carina, e poi che soddisfazione vedere lo stadio di Genova! Ma non capisco il motivo di utilizzare l'audio di un altro tour e non quello originale!!

Infine Sally 2009. Ho letto da varie parti critiche perché la versione è accelerata. Ora, chi legge questo blog sa che non mi faccio problemi a muovere delle critiche, se lo ritengo giusto. In questo caso invece difendo Vasco. Che non è un chitarrista, naturale che la sua versione non sia perfetta. Se uno vuole sentire Sally come Dio comanda, è sufficiente che ascolti il disco originale o i numerosi live successivi. Sally 2009 è invece la testimonianza di uno dei momenti più belli ed emozionanti vissuti ad un concerto di Vasco. Perfezione ed emozione spesso non vanno d'accordo. Io, se devo scegliere, preferisco di gran lunga la seconda.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

2 Comments:

Anonimo said...

Ormai ci ho preso gusto a lasciare commenti :) ma essendo un chitarrista, per di più sfegatato di vasco, non posso che darti ragione. Vasco non è mai stato un grande chitarrista e il difficile non sta nel suonare una canzone, piuttosto nel saperla suonare e cantare contemporaneamente. Per questo gli viene un pò "accellerata". Ma è un momento del concerto troppo bello per essere criticato, un regalo che ci ha fatto e che non vedevo l'ora facesse!

Marco Pagliettini said...

Pienamente d'accordo.