Ad Menu

venerdì 27 novembre 2009

Tracks2, il cd: io la vedo così

E finalmente abbiamo Tracks2 tra le mani. O almeno, ce l’ha chi ha optato per cd o cd+dvd. Perché della “fan edition” nei negozi nemmeno l’ombra. Arriverà quando arriverà, quando la Emi si deciderà a fornirla. Senza parole. I vinili invece dovrebbero essere disponibili. Almeno, il negozio dove ho comprato io, mi ha detto che li aveva.

Oggi parliamo del cd. Su “Ad ogni costo” ci siamo già pronunciati in passato, è inutile ripetersi. I due inediti. “Ho fatto un sogno” è un’invettiva che come tematica mi ricorda un po’ “La fine del millennio”. La voce di Vasco è in primo piano per tutto il pezzo. Che non è nemmeno male, non fosse per un arrangiamento ancora una volta non all’altezza, che mi piace poco o nulla. Si sente molto la mano di Elmi, una mano in questo caso poco felice. Nota curiosa: avete notato che nel libretto il testo è in più punti sbagliato?

Sto pensando a te” invece è un lento anni 2000, che come suono mi ha fatto venire in mente “E...”. Sonorità che non amo molto, anche se il ritornello tutto sommato non mi dispiace. Credo che questa canzone sarà apprezzata soprattutto dal pubblico femminile. Nel finale potrebbe “esplodere” ed invece viene stoppata, anche questa una scelta di produzione che mi lascia più di un dubbio. Nota curiosa: Vasco si autocita e si “spoglia di ogni orgoglio....”. Delle due preferisco ad ogni modo “Ho fatto un sogno”.

Il resto del cd. Sally versione 2009 è bella dal vivo e lo è anche su disco. Poi, il live ’96. “Praticamente perfetto” mi piace, “Io perderò” l’ho sempre considerata una canzone sottovalutata, mi piaceva all’epoca e mi piace anche oggi. Soprattutto dal vivo. “Le cose che non dici” invece non mi piaceva allora e nemmeno mi piace oggi. Idem per “Benvenuto”, fra l’altro proposta anche in una versione bruttina (o mal registrata?). Colpa d’Alfredo? Ecco, confesso che io questa versione l’avevo completamente rimossa dalla mia memoria. Ed ascoltandola ne ho capito il motivo. Ma davvero nel 1996 “Colpa d’Alfredo” era fatta così??? “Gli angeli” invece è sempre e comunque bellissima e non c’è niente da dire.

Le ultime tre sono le vere “rarità” del cd e mi piacciono molto. “Il tempo di morire” da 9, “Un ragazzo di strada” da 7 e “Amico fragile” da 10. Quest’ultima è la vera perla del disco, per quanto già edita. E’ cosa buona e giusta che arrivi ad un pubblico più vasto.

Io la penso così. Se ne avete voglia, mi piacerebbe sapere anche la vostra opinione. La prossima volta parleremo del dvd.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

3 Comments:

Max said...

Dunque... ad ogni costo non e' male. strana ma carina.
ho fatto un sogno: al primo ascolto.. mah. poi invece prende. di brutto. il testo va capito come quasi tutti i testi di Vasco da 10 anni a questa parte. pero' molto bello. Sto' pensando a te e' un capolavoro assoluto! tutta d'un fiato come la strofa di colpa d'alfredo (l'ho vista uscire mano nella mano con quell'africano che nn parla neanche bene l'italiano ma si vede che si fa capire bene quando vuole) e con un ritronello da lacrimazione intensa... frase bellissima... insomma... stupenda! un assolo con sonorita' anni 60-70 (potevano farlo con le chitarre ma e' bello anche cosi').
le altre versioni live del '96 tutte belle, non molto differenti da quelle in studio tranne colpa d?alfredo... mamma mia! che brutta! o meglio: e' sempre bella ma qs e' la versione piu' brutta che abbia mai fatto!
gli angeli... superlativa. dovrebbe farla sempre, come albachiara!
il tempo di morire e' molto carica, bella! cosi' anche ragazzo di strada, un arrangiamento super!
amico fragile e' superlativa!
ma che senso ha mettere 5 canzoni del '96??? avrei preferito tutte quelle che ha fatto al 1° maggio con Riva pochi giorni prima della sua scomparsa, compreso l'errore che fece Vasco. l'avrei capito di piu'. ma 5 canzoni del '96?
sul dvd poi... sul sito dice "tutto il concerto". ma quando mai???
anche qui... vergognoso. ma che senso ha? x fare spazio alle cazzatine dei vari backstage?
fossero interessanti! e giusto x rovinare completamente il dvd... nemmeno il video di amico fragile (col finale stupendo di Vasco col pubblico in piedi da almeno un minuto ad applaudirlo e lui che urla e tira in aria il foglio del testo!!!). invece no!
cosa mi mettono? le foto! una photogallery!!!
SENZA PAROLE!

Fabio said...

sto ascoltando ho fatto un sogno

valuterò il testo con calma, però volevo darti ragione assolutamente sulla questione dell'arrangiamento:

IO ODIO I SUONI ELETTRONICI che ultimamente hanno troppo spazio sui dischi di Vasco... solo che secondo me la colpa non è tanto di Elmi, il "nuovo corso" coincide per me con l'arrivo di Frank Nemola; che non solo live, ma anche su disco, secondo me ha molto più spazio di quello che gli viene accreditato nei booklet.

Anche tutti gli arrangiamenti di "Rock", che è un po' l'emblema del suono "nuovo" di Vasco, sono in gran parte di Nemola credo (anche se il disco figura prodotto da Elmi).

Personalmente il mio modello di suono prodotto è quello di Canzoni per me (prodotto da Valli): chitarre e solo chitarre e zero elettronica

Simone said...

Marco, ho letto il tuo commento...ed è come se lo avessi scritto io. Sono d'accordo su tutta la linea. Non ci crederai, ma anche io non mi ricordavo colpa d'alfredo fatta così (forse in quel momento il batterista aveva delle commissioni da fare, era andato via un attimo...). Ribadisco, come avevo già detto, che per il nuovo cd, dalla scaletta del 96 potevano tirare fuori molto di meglio.

Ma veniamo ai pezzi nuovi. Premessa: spesso mi è capitato che le canzoni di vasco di ultima generazione (testi ridottissimi etc) al primo ascolto non mi piacessero ma poi mi "entrassero dentro". E' successo anche con le ultime, in particolare con "ho fatto un sogno", che non è niente male. Ma bisogna anche dire che è arrangiata in modo molto discutibile, come del resto anche "sto pensando a te". Non ripeto le tue considerazioni sulle quali sono totalmente d'accordo, ma arrivo a una conclusione che mi pare logica: e se cambiassimo produttore?!?!?! Non dico per sempre, magari un disco...dai...concludo dicendo che da anni, ad esempio, i pezzi prodotti e arrangiati da celso valli (ballate) sono quasi sempre migliori di quelli di elmi. Suggerisco anno sabbatico per guido, ne uscirebbero idee nuove che valorizzerebbero al meglio i testi di vasco. Ma temo che Vasco, purtroppo, sia troppo pigro per considerare questa ipotesi..
Ciao

Simone