Ad Menu

venerdì 9 ottobre 2009

Tutto, ma proprio tutto, sul concerto di Pesaro del 7 ottobre

Post e foto di oggi sono della mia amica abbronzatissima Chiara Campodonico, che ringrazio della collaborazione. Il racconto è quello del concerto di Pesaro del 7 ottobre.

Oggi non ho più dubbi: ne è valsa la pena, nonostante il prezzo del biglietto e la scadente organizzazione del sito ufficiale. Dopo aver trascorso la notte fuori dal Palazzetto e l'intera giornata sotto un sole bollente aprono i cancelli, per fortuna con anticipo. Entriamo e conquistiamo la prima fila, era il minimo!

Alle 21 e qualche minuto si spengono le luci, l'agitazione aumenta e purtroppo anche il caldo! Sulla destra, come sempre, entra Stef e comincia a suonare Un gran Bel Film! Apertura del concerto: UN GRAN BEL FILM! Non c'è bisogno di ulteriori commenti! Si prosegue con Cosa vuoi da me e Ieri ho sgozzato mio figlio (!!), senza un minuto di respiro! Quest'anno la scaletta per me è stata tutta una sorpresa, non volevo anticipazioni riguardo alle canzoni che avrebbe suonato. Detto ciò, La nostra relazione, Ogni volta e Gli angeli sono state una bomba! Senza parole la commozione di Vasco durante Gli Angeli. Uno sguardo che, come sempre, dice tutto.

Subito dopo arriva Domenica Lunatica (!!!) e a seguire Dimentichiamoci questa città, che verrà eseguita solo come pezzo strumentale. Poco dopo arriva un altro brano che non mi aspettavo.. "Tanto oramai, vivere senza teeee, è un'abitudineee"! E da un'atmosfera frenetica si passa ad "Anima Fragile", canzone che non ha bisogno di commenti e che rende magico qualsiasi luogo, stadio o palazzetto che sia.


Purtroppo e ripeto purtroppo, il pezzo successivo sarà Colpa del whisky, eseguito evidentemente per accontentare qualcuno tra il pubblico (perché qualcuno tra il pubblico ha cantato SOLO questa canzone durante tutto il concerto!!!) o perché "doveva". Arriva il momento del nuovo singolo Ad ogni costo, dal vivo è ascoltabile ma niente di speciale secondo me. Segue l'Interludio e Sono ancora in coma!

Si continua con Delusa (ovviamente: "Però, quel Berlusconi lì.. Cosa ti fa!").. Poi, Quanti anni hai! Quanti anni hai! Ritorna in scaletta Stupido Hotel, priva di presentazione però, che non verrà proprio fatta durante il concerto, peccato.. Dopo arriva un classico, Un senso, e a seguire Deviazioni! Ecco il momento di Il mondo che vorrei, che è stato anche un momento comico! Vasco a inizio canzone non si ricordava più il testo e dopo aver sbagliato la prima frase ha fermato tutta la band per poi ricominciare! ..E va bene così!

Il momento del Medley è stato incredibile. Vasco e la chitarra, sulla pedana di fronte a me. Inizia Sally, segue Dillo alla luna (!!), Una canzone per te, Incredibile Romantica (!!!), Hai ragione tu (!!!!), Ridere di te, Occhi blu (!!!!!) e Senza parole. Inutile dire che il Medley è stato uno dei momenti migliori del concerto. Un'emozione continua.

Subito dopo arrivano le note di Vita spericolata, con un divertente riferimento a Facebook! "ognuno in fondo perso dentro Facebook"! ..Si capisce che la fine del concerto è imminente. Ma, come sempre, non può mancare Canzone e il saluto a Massimino. E' il momento di Albachiara, un momento che non ha bisogno di descrizioni.

Che dire, è stato un concerto stupendo e la scaletta è da brividi, secondo me. Il Palazzetto rende sicuramente l'atmosfera più intima, con la possibilità di sfiorare una mano di Vasco o di essere guardati negli occhi da lui più di una volta. Queste sono cose che, secondo me, valgono molto di più di un autografo o di una foto, perché restano dentro di noi, come tutti i concerti passati, recenti e futuri, si spera!! ..Perché Vasco è depresso.. Dicono!!!

L’errore all’inizio de “Il Mondo che Vorrei”:


Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

1 Comment:

Anonimo said...

GRAZIE!!! :)

Chiara