Ad Menu

lunedì 10 agosto 2009

Vent’anni fa

Venti anni fa, era il 10 agosto del 1989, Vasco si esibiva per l’ultima volta nel Tigullio. Quel giorno il “Liberi liberi tour” approdava al campo sportivo Sivori di Sestri Levante per un concerto che, in qualche modo, sarebbe passato alla storia.

Negli anni ottanta il Blasco più volte venne ad esibirsi in zona: nel 1982 a Sestri Levante, l’anno dopo a Chiavari, nel 1984 al Covo di Nord Est di Santa Margherita Ligure, nel 1985 ancora a Sestri Levante (e non a Chiavari come riportano erroneamente molte fonti).

Con il passare degli anni la sua popolarità era aumentata e quindi anche l’attesa per i suoi concerti, ma in quel caldo agosto di vent’anni fa in pochi pensavano che quella sarebbe stata l’ultima occasione per vedere Vasco cantare nel Tigullio. Solo pochi giorni prima era ormeggiato con il suo yacht, il mitico “Miss Again”, nel porto di Lavagna. L’anno dopo sarebbe arrivato Fronte del Palco, insieme ai concerti di Milano e Roma, e la storia di Vasco sarebbe cambiata per sempre.

Quello fu anche il mio primo concerto. Probabilmente non fu il più bello, in seguito ebbi la fortuna di assistere ad alcuni dei momenti storici della carriera di Rossi, con palchi, scalette ed atmosfere di altro livello. Però, proprio in quanto primo concerto, non lo scorderò mai.

Erano altri tempi, difficili da spiegare a chi ha iniziato a seguire Vasco solo negli ultimi anni. L’epoca dei concerti-evento e della caccia al biglietto su Internet era ancora molto lontana. Il tagliando lo si comprava il giorno prima in prevendita giusto per evitare la scocciatura della coda al botteghino, mentre poteva succedere che il concerto iniziasse con mezz’ora di ritardo perché Rossi voleva la certezza di essere pagato prima di salire sul palco.

Ripensare a quella serata, non lo nego, mi lascia un profondo senso di nostalgia. Come mi sorprende ogni volta leggere il timbro di “Radio Aldebaran” sul biglietto. Allora mai avrei immaginato che un giorno quella Radio sarebbe diventata il mio datore di lavoro e che dalle sue frequenze avrei addirittura condotto un lungo special dedicato al Blasco nell’estate del 2004.

La band di quella serata era composta da Daniele Tedeschi (batteria), Paul Martinez (basso), Alberto Rocchetti (tastiere), Andrea Innesto (sax), Davide Devoti e Andrea Braido (chitarre).

Questa la scaletta del concerto: Muoviti – Blasco Rossi – C’è chi dice no – Dillo alla luna – Tango della gelosia – Deviazioni – Ogni volta – Ridere di te – Lunedì – Vivere una favola – Vita spericolata – Liberi liberi – Stasera - Vivere senza te – Domenica lunatica – Colpa d’Alfredo – Una canzone per te – Bollicine – Siamo solo noi – Canzone – Albachiara.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

6 Comments:

zio71 said...

Grandissimo Marco...
All'epoca non ci si conosceva nemmeno, ma c'ero anch'io e non lo scorderò mai più...
anche per me era il primo concerto...
Mannaggia quanto tempo è già passato... ;-)

vito said...

A leggere questo articolo mi arrivano emozioni che quelli che vasco lo anno conosciuto negli anni 90 e oltre non possono sentire e sopratutto capire ............... ciao grande marco ai colpito ancora

Anonimo said...

20 anni oggi? Mamma mia!
All'epoca avevo solo 11 anni e Vasco sapevo a malapena chi fosse...
Ricordo che nel tardo pomeriggio di quel giorno passai davanti allo stadio con i miei genitori mentre andavamo a passare alcuni giorni dai miei nonni in collina sulle alture di Sestri e mi chiesi: "Cosa ci fa qui tutta questa gente?"
Ricordo ancora benissimo quella sera. Anche lassù in collina dove mi trovavo e su tutta la vallata arrivavano le note e la voce di Vasco! Ricordo che rimasi colpito da quelle musiche e da quella voce per me sconosciuta e restai per molto tempo ad ascoltare...
Questa fu la prima volta che lo ascoltai dal "vivo"
Non è un caso che quel giorno mi sia rimasto impresso!
Alberto

Marco Pagliettini said...

Alberto, non a caso quella sera Vasco scrisse il memorabile verso "e chi non vuole restare qui vada in collina", dedicato proprio alla tua giovanile esperienza.

Anonimo said...

Ciao ragazzi...
io invece mi ricordo che alla sera ero passato nella via princcipale a piedi ero piccolo e passavamo con la mia famiglia di li a piedi che avevamo preso un gelato ...
che bei tempi!!!
ee sentivo le sue canzoni e la gente che cantava ...che bello!!!
se qualuno per caso avesse del immagini o siti dove avere qualchee bel ricordo mi potrebbe ...
grazie aticipatamente a tutti
daniele

toni73 said...

io ero presente a qul mitico concerto in prima fila!!!ricordo i giorni prima passati a lavagna al porto per vederlo dove ormeggiava con la sua barca...che bei tempi ciao a tutti e grande vasco!!!