Ad Menu

giovedì 6 agosto 2009

Napoli 1985

Doveva andare a vedere il concerto di Vasco quella sera, nella sua Napoli, insieme alla fidanzata. Ma al concerto non arrivò mai. Perché non trovò i biglietti. E perché quella sera venne ammazzato dalla camorra. Era il 23 settembre 1985. Giancarlo Siani era un ragazzo di 26 anni come tanti altri. Amava la vita, le donne, la musica. La sua colpa era quella di fare bene il proprio lavoro, quello di giornalista, per il quotidiano “Il Mattino”. I suoi articoli da Torre Annunziata gli furono fatali. A tutt’oggi è l’unico giornalista ammazzato dalla camorra.


La sua vicenda, gli ultimi quattro mesi della sua vita, sono stati recentemente raccontati da Marco Risi in un film molto bello, intitolato Fortapàsc. Siani è interpretato da Libero De Rienzo, la sua fidanzata dalla splendida Valentina Lodovini. Il film si apre con il giornalista a bordo della sua auto, mentre la radio trasmette “Ogni volta”. E allo stesso modo si chiude. Pochi minuti dopo verrà assassinato. In mezzo la sua storia, una storia poco conosciuta, lontana nel tempo, che non dev’essere dimenticata.





Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

0 Comments: