Ad Menu

sabato 29 agosto 2009

Chiuso per ferie

Il giorno più triste dell’anno, per noi inguaribili buongustai, è arrivato: ieri sera Vito ha spento il forno, Alessandro ha abbassato la saracinesca, e da oggi, fuori dalla Pizzeria Verdi A Tutto Vasco, campeggia la scritta “chiuso per ferie”. Per un paio di settimane dovremo dunque rinunciare a Margherite, Quattro Stagioni e Napoletane. D’altra parte, Vito, famiglia e personale, un po’ di meritato riposo se lo sono ben guadagnato.

E quindi a tutti loro auguriamo buone ferie, aspettando con impazienza il 15 settembre, giorno della riapertura ufficiale. Quella sera Chiavari tornerà ad essere la città del sole, della PIZZA e dell’amore! (in ricordo di Virgilio Savona):


Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

venerdì 28 agosto 2009

Che serata con Solieri!

Mercoledì sera, lungomare di Rapallo. L’evento clou dell’estate 2009, nel Tigullio, per i fans di Vasco. Il concerto di Maurizio Solieri con le Custodie Cautelari. Una serata che, speriamo, possa servire di monito per le nostre amministrazioni comunali: non di solo liscio si vive, un po’ di buon rock ogni tanto non guasta. La risposta del pubblico è stata buona: la gente c’era e il concerto è stato divertente. Prima, sul palco, sono salite le sole Custodie. Poi, poco dopo le 22, è arrivato anche Solieri. In splendida forma ha regalato qualche memorabile assolo ai fans assiepati sotto al palco per applaudire.


La scaletta, ovviamente, era composta quasi esclusivamente da pezzi di Vasco. Qualcosa di nuovo (Il mondo che vorrei, Gioca con me, il medley rock del 2008) e qualche vecchia e storica canzone, come Ridere di te, Colpa d’Alfredo, Brava Giulia, Fegato, fegato spappolato e Canzone. Tutto perfetto, salvo un unico appunto: chiudere il concerto alle 23.30 è stato un delitto, non c’è stato nemmeno il tempo di un bis. Niente da dire sul legittimo diritto di residenti e turisti di godere del silenzio nelle ore notturne, ma concedere una mezz’ora in più alla musica sarebbe stato doveroso.

Finito il concerto Solieri, cortese e disponibile, si è prestato a lungo per foto ed autografi nella saletta di un ristorante del lungomare. Uno alla volta i fans hanno avuto la possibilità di avvicinarlo, scambiare due parole, scattare una foto. Senza isterismi, solo con la voglia di passare qualche istante vicino al chitarrista (ed autore) che tanto ha contribuito alla storia di Vasco. Una splendida serata.
(foto by Cisco & Didi).


Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

giovedì 27 agosto 2009

Correte in edicolaaaaaaaaaaaaaaa

C’è Vasco sulla copertina del Magazine del Corriere della Sera in edicola quest’oggi. E c’è Vasco pure all’interno: un servizio di una decina di pagine firmato dal giornalista che meglio lo conosce: Massimo Poggini. Insomma, non il classico articoletto che periodicamente tutte le riviste dedicano al Blasco, ma un vero e proprio speciale che racconta Vasco dalla A di Albachiara alla Z di Zocca.


Il tutto condito da un pugno di ottime foto. Una su tutte, almeno per noi liguri: quella di Laura che tiene in braccio Luca sul “prato” dello stadio di Marassi. Foto scattata il 18 giugno 1996. Una data importante: quel giorno per la prima volta Vasco si esibiva al Ferraris e, soprattutto, per la prima volta Luca assisteva ad un concerto del padre.
(Foto in alto a destra presa dal forum del sito http://www.vascoforever.it/).


Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

Una serata in pizzeria

Oggi non parliamo di Vasco, ma della “Pizzeria Verdi A Tutto Vasco”, alla quale questo blog è dedicato. E raccontiamo una serata in pizzeria, una serata come tante, una serata unica. Una serata “tropicale”, per la temperatura e per la presenza di Andrea dei Tropico del Blasco e di un bel gruppetto di fedeli seguaci della tribute band genovese. Una serata che, inevitabilmente, inizia con il gioco “nazioni, calciatori, pesci….”, che fatto in 15, va detto, provoca le reazioni indignate del comitato antirumore di San Siro.


Si procede poi con la degustazione della pizza. Le tecniche divergono: chi inizia dal bordo, chi usa subito coltello e forchetta, chi la piega a fisarmonica. Stili diversi per un unico risultato: ripulire il piatto e fare onore alla sublime arte di Vito.

La felicità dovuta a tanta bontà porta ai gesti più impensati: può anche succedere che qualcuno esprima tutta la sua gioia arrampicandosi sugli attaccapanni e poi, come il Barone Rampante di calviniana memoria, urli: “non scendo più!!”.

Chi invece riesce a conservare un briciolo di coscienza di sé può abbandonarsi a qualche casta effusione “vista forno”: non sarà un tramonto caprese, ma una buona dose di romanticismo comunque c’è. Ed anche un pizzico di origano, che non guasta mai.

Le gente, va da sé, è felice: è tutto ok, fammi vedere la lingua, sorridete!! Momenti lieti, momenti felici, momenti con la pancia piena. Lo spot migliore per i nostri dentisti.

Infine, lui. Perché quello che rende la Pizzeria Verdi unica, oltre alla simpatia del personale e alla bontà delle pizze, è la costante presenza di Vasco. In musica e foto, il Blasco è il sottofondo ed il contorno di ogni serata nel locale. Non ci lascia mai soli.





Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

martedì 25 agosto 2009

Breaking news: in arrivo un inedito?

Un breve articolo apparso oggi a pagina 42 del Corriere della Sera, firmato da Andrea Laffranchi, ed intitolato “Vasco, un anno in tour già tutto esaurito”, smuove le acque di questo caldo ed infinito agosto, regalando finalmente un brivido ai fans del Blasco.

Questo il testo: “Il biglietto per il concerto di Vasco Rossi è il Gronchi Rosa dell’autunno rock: tutti lo vogliono, pochi lo trovano. Vasco sforna date a ripetizione per un tour nei palazzetti che durerà più di un anno. E sembrano non bastare mai. Impossibile trovare un biglietto per il debutto del 6 settembre a Pesaro. Le otto serate a Milano-Assago a febbraio dell’anno prossimo? Sold out. I concerti dell’ottobre 2010 a Firenze? Esauriti. Tranquilli, si aggiungeranno altre serate e il rocker ha pronta un’altra sorpresa: una canzone inedita. Che rischia di essere l’unica certezza del mercato discografico nazionale...”.

Sorvoliamo sul “debutto del 6 settembre”, che come tutti sanno sarà il 6 ottobre, e sorvoliamo anche sulla trita retorica del sold out, ben sapendo che in realtà di biglietti in vendita ce ne sono ancora, ed anche parecchi. La vera notizia è ovviamente quella della canzone inedita. Da tempo si mormora di una probabile nuova uscita discografica ed ora arriva questa importante conferma. Si tratterà di “Ragazzo di strada” o bolle in pentola qualcosa di ancora più sostanzioso?

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

Domani sera Maurizio Solieri live in Rapallo!

Ne avevamo già parlato lo scorso 27 giugno, ma ora è arrivato il momento di un promemoria: domani sera Maurizio Solieri sarà in concerto a Rapallo! Lo storico chitarrista di Vasco, autore delle musiche di alcune tra le canzoni più belle di Rossi, suonerà sul lungomare, con inizio alle 21.30, insieme alle Custodie Cautelari.

Una festa di fine estate, gratuita, con la musica che più amiamo e con un artista che è stato (ed è) parte integrante di tutta la storia del Blasco. Impossibile non esserci.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

lunedì 24 agosto 2009

Vasco, assessore al turismo… ad honorem!

Tra il Reno e il Panaro si trova anche Zocca. E Vasco, qualche anno fa, ha voluto regalare le proprie parole ad una brochure ideata per pubblicizzare quel territorio ed invogliare i turisti a visitarlo.

Lo scritto lo potete leggere cliccando sulla foto a lato. E’, secondo me, un documento a suo modo unico. Che ci restituisce un Vasco lontano dallo star system, con i piedi ben piantati nei luoghi dove è nato e cresciuto. Un atto d’amore nei confronti di una terra dalla quale non si è mai staccato, il rifugio che usa per ricaricare le batterie ogni volta che può.

In fondo, tutto l’infinito finisce qui. A Zocca.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

sabato 22 agosto 2009

Vasco e la Nanda

Onore al merito, all’intelligenza, all’amore e alla bontà di una grande donna che si è avviata verso il Nirvana, dove raggiungerà i suoi eroi e dove la raggiungeremo anche noi. Wiva Nanda”. Questo il necrologio che Vasco ha fatto pubblicare giovedì sul Corriere della Sera in ricordo della sua amica Fernanda Pivano.

Ieri mattina sono stati celebrati i funerali a Genova e tra le tante corone di fiori c’era anche quella inviata da Rossi. Il rapporto di amicizia fra i due proseguiva da molti anni. Il momento più bello, forse, l’incontro a Santa Margherita Ligure del 26 luglio 2006, quando Vasco ricevette un premio intitolato proprio all’amica. In quell’occasione il Blasco scrisse alcune righe a lei dedicate e le lesse davanti al pubblico.

Questo il testo: “La Nanda è autentica, unica, irripetibile, inenarrabile, inesauribile. E’ l’amica di ogni giorno, che ha qualche cosa sempre da darci, da raccontarci, da insegnarci. Con la sua presenza ci riempie di gioia, di serenità e di amore. La Nanda è. E’ quella persona speciale che tutti conosciamo e della quale amiamo soprattutto la vivace curiosità nei suoi occhi, il suo sorriso buono che concede a chiunque, consapevole del suo fascino disarmante. La Nanda è un mito. Una donna anticonformista e ribelle alle regole che le imponeva la cultura borghese dalla quale proveniva. Una donna soprattutto libera, che ha combattuto e tuttora combatte per un mondo migliore possibile. Nel suo vocabolario non c’è spazio per le parole come ipocrisia, ingiustizia, pregiudizi, barriere, birre... Quanta strada dobbiamo ancora percorrere per avvicinarci al suo modello e al suo pensiero di vita. Non a caso è stata la testimone dei più grandi fermenti letterari dell’ultimo Novecento. La sete di conoscere l’ha portata ad essere amica dei più grandi autori contemporanei, italiani e stranieri. Si è guadagnata sul campo un posto d’onore nella storia. E’ grazie a lei che noi abbiamo conosciuto e imparato a conoscere la letteratura americana... Cara Fernanda, io sono orgoglioso di fare parte della tua cerchia di amici e ti voglio bene e ti ringrazio. Che cosa saremmo senza di te, forse un po’ più poveri. Grazie per la tua umanità”.


Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

venerdì 21 agosto 2009

Quindici anni fa....

Quindici anni fa moriva Maurizio Lolli. Aveva 43 anni, lo uccise un tumore ai polmoni. Manager, amico, tuttofare: una figura fondamentale per Vasco, un punto di riferimento costante nella prima fase della sua carriera.

Un anno dopo Rossi fece pubblicare sul Corriere della Sera un ricordo dell’amico: “Un anno fa è mancato Maurizio Lolli... E a noi... ci manca... molto!! Avrebbe dovuto vivere in eterno, avrei dovuto morire io... piuttosto. Lui sì che ci sapeva stare al Mondo. Lolli un anno fa è morto però per noi continua a vivere!! Non è una data triste il 21 agosto!! Solo un amico vero... ho perso. Soltanto un uomo vero è morto il 21 agosto dell’anno scorso!! Ciao Lolli... dormi tranquillo e a presto”.


Anche nel libro “Diario di bordo” Vasco ha poi voluto ricordare l’amico scomparso: “A Maurizio io devo tanto! devo l’equilibrio, il buon senso!! le scelte giuste che ho fatto. Era molto calmo, molto più calmo di me e molto più furbo!... e molto più garbato. Lui intortava tutti! Lui per tutti c’era sempre... e ascoltava... SEMPRE... senza dire niente e gli costava... tanto... tanto che alla sera andava a casa distrutto! Ma non lo diceva... in silenzio sempre senza sfogarsi mai!!! CIAO MAURIZIO, splendido amico e uomo vero!! Hai sofferto tanto in silenzio... come era nel tuo stile senza disturbare nessuno!!”. (foto tratte dai libri “Io Vasco” di Ivano Casamonti e "Vasco Rossi. Una vita spericolata" di Massimo Poggini).

E poi c’è il ricordo più bello che Vasco ha voluto dedicare a Lolli, la canzone “Gli angeli”:



Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

Bye bye Sanremo

E’ stato bello crederci. Ma la data zero del nuovo tour di Vasco, salvo ripensamenti, non sarà a Sanremo. L’ipotesi è stata presa in considerazione, ma poi scartata.

La location proposta (il Mercato dei Fiori) è stata ritenuta inadeguata dallo staff di Vasco. Un posto troppo diverso, rispetto ai palasport che poi ospiteranno il tour vero e proprio, per consentire di effettuare tutte le prove necessarie in occasione della data zero.

Al momento, almeno ufficialmente, nessuna scelta è stata effettuata. In ballottaggio restano ancora un paio di località. Se ne saprà di più, probabilmente, con l’inizio di settembre.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

lunedì 17 agosto 2009

Data zero a Sanremo, nuove indiscrezioni

Arrivano nuove indiscrezioni sulla possibilità che la data zero del prossimo tour di Vasco venga ospitata da Sanremo.

Ieri il quotidiano online “Sanremonews” ha ripreso la notizia, con qualche nuovo particolare in più. Il concerto dovrebbe svolgersi “al plateatico del Mercato dei Fiori di Valle Armea, con una capienza massima di 4.000 persone”. Secondo quanto riporta l’articolo scritto da Carlo Alessi, inoltre, “la conferma ufficiale non c’è ancora ma il neo Amministratore Unico di Sanremo Promotion, Giorgio Giuffra, ci sta lavorando da giorni”.

Questo il link per leggere l’intero articolo: http://www.sanremonews.it/it/internal.php?news_code=96660
(nella foto il Mercato dei Fiori di Valle Armea, tratta dal sito http://www.riviera24.it/)

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

venerdì 14 agosto 2009

Data zero a Sanremo?

Mancano meno di due mesi alla partenza del tour di Vasco ed ha inizio il classico tormentone: dove sarà la data zero?

L’ipotesi più gettonata, finora, è Mantova. Stando ai “si dice” la prescelta dovrebbe infatti essere la città lombarda e il concerto dovrebbe tenersi a fine settembre. Qualcuno invece sussurra “Emilia Romagna”, ma oggi, a scompigliare le carte, è apparso un articolo sul settimanale “La Riviera” che dà come probabile la scelta di Sanremo.

Sarebbe così la seconda volta per la Liguria e una scelta probabilmente apprezzata da Vasco, che spesso sceglie la riviera di ponente per le sue vacanze in barca. Quanto ci sia di vero è al momento difficile dirlo. Questo il link della prima pagina del settimanale: http://www.la-riviera.it/primapagina/riv01.pdf

Nell’attesa di scoprire se trattasi di scoop o bufala, una precisazione è però necessaria: l’ultimo concerto di Vasco a Sanremo risale al 1996 e non “negli anni ‘80”, come invece si legge nell'articolo.
(foto tratta dal forum http://www.vascodentro.com/)

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

giovedì 13 agosto 2009

Vent’anni di Vasco… in edicola

Una nuova iniziativa editoriale ha come protagonista Vasco Rossi. A partire dal 18 agosto, in abbinamento con il Corriere della Sera, saranno messi in vendita sette cd e sette dvd del Blasco. Si tratta, di fatto, della produzione quasi completa uscita per la casa discografica Emi. Fanno parte del piano dell’opera anche “due libri da collezione, un volume fotografico e un making of”.

Si parte il 18 agosto con “Canzoni per me”, in vendita insieme al cofanetto per conservare l’intera raccolta. Seguiranno quindi altri sei cd: “Buoni o Cattivi” (25 agosto), “Stupido Hotel” (1° settembre), “Il Mondo che Vorrei” (8 settembre), “Liberi Liberi” (15 settembre), “Gli spari sopra” (22 settembre) e “Nessun pericolo per te” (29 settembre). I cd saranno venduti al prezzo di euro 9,90.

L’iniziativa proseguirà quindi con sette dvd: “Vasco @ Olimpico 07” (6 ottobre), “Vasco Rossi @ S. Siro 03” (13 ottobre), “Il Mondo che Vorrei Live” (20 ottobre), “Fronte del Palco” (27 ottobre), “Rewind” (3 novembre), “Gli Spari Sopra Tour” (10 novembre), “Tracks” (17 novembre). I dvd saranno venduti al prezzo di euro 12,90.


Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

mercoledì 12 agosto 2009

Ferragosto Rock

Vasco Rossi Unplugged Tribute. Per la prima volta insieme tre grandi musicisti genovesi per una notte da brivido. L’appuntamento è per sabato sera, alle ore 22.15, presso la Gelateria Amedeo, sul lungomare di Recco.

Ad esibirsi saranno Andrea Di Marco (voce dei Tropico del Blasco), Fabio Bavastro (bassista dei Tropico del Blasco) e il chitarrista Willy Tarantino.

In programma un tributo a Vasco, ma non il “solito” tributo: sarà infatti un live tutto acustico, con la riscoperta di vecchi pezzi che hanno fatto la storia del Blasco. Una serata unica, per chiudere il Ferragosto all’insegna del rock.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

lunedì 10 agosto 2009

Vent’anni fa

Venti anni fa, era il 10 agosto del 1989, Vasco si esibiva per l’ultima volta nel Tigullio. Quel giorno il “Liberi liberi tour” approdava al campo sportivo Sivori di Sestri Levante per un concerto che, in qualche modo, sarebbe passato alla storia.

Negli anni ottanta il Blasco più volte venne ad esibirsi in zona: nel 1982 a Sestri Levante, l’anno dopo a Chiavari, nel 1984 al Covo di Nord Est di Santa Margherita Ligure, nel 1985 ancora a Sestri Levante (e non a Chiavari come riportano erroneamente molte fonti).

Con il passare degli anni la sua popolarità era aumentata e quindi anche l’attesa per i suoi concerti, ma in quel caldo agosto di vent’anni fa in pochi pensavano che quella sarebbe stata l’ultima occasione per vedere Vasco cantare nel Tigullio. Solo pochi giorni prima era ormeggiato con il suo yacht, il mitico “Miss Again”, nel porto di Lavagna. L’anno dopo sarebbe arrivato Fronte del Palco, insieme ai concerti di Milano e Roma, e la storia di Vasco sarebbe cambiata per sempre.

Quello fu anche il mio primo concerto. Probabilmente non fu il più bello, in seguito ebbi la fortuna di assistere ad alcuni dei momenti storici della carriera di Rossi, con palchi, scalette ed atmosfere di altro livello. Però, proprio in quanto primo concerto, non lo scorderò mai.

Erano altri tempi, difficili da spiegare a chi ha iniziato a seguire Vasco solo negli ultimi anni. L’epoca dei concerti-evento e della caccia al biglietto su Internet era ancora molto lontana. Il tagliando lo si comprava il giorno prima in prevendita giusto per evitare la scocciatura della coda al botteghino, mentre poteva succedere che il concerto iniziasse con mezz’ora di ritardo perché Rossi voleva la certezza di essere pagato prima di salire sul palco.

Ripensare a quella serata, non lo nego, mi lascia un profondo senso di nostalgia. Come mi sorprende ogni volta leggere il timbro di “Radio Aldebaran” sul biglietto. Allora mai avrei immaginato che un giorno quella Radio sarebbe diventata il mio datore di lavoro e che dalle sue frequenze avrei addirittura condotto un lungo special dedicato al Blasco nell’estate del 2004.

La band di quella serata era composta da Daniele Tedeschi (batteria), Paul Martinez (basso), Alberto Rocchetti (tastiere), Andrea Innesto (sax), Davide Devoti e Andrea Braido (chitarre).

Questa la scaletta del concerto: Muoviti – Blasco Rossi – C’è chi dice no – Dillo alla luna – Tango della gelosia – Deviazioni – Ogni volta – Ridere di te – Lunedì – Vivere una favola – Vita spericolata – Liberi liberi – Stasera - Vivere senza te – Domenica lunatica – Colpa d’Alfredo – Una canzone per te – Bollicine – Siamo solo noi – Canzone – Albachiara.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

sabato 8 agosto 2009

Le campane di Mezzema

Alzi la mano chi conosce Mezzema, ridente frazione di Deiva Marina. Che poi sul termine “frazione” ci sarebbe da discutere, ma non impelaghiamoci in questi discorsi. Vasco con Mezzema nulla ha mai avuto a che fare e quindi questo post nulla ha a che fare con Rossi. Ma essendo Mezzema il luogo d’origine del miglior pizzaiolo del mondo, ovvero il signor Vito della Pizzeria Verdi A Tutto Vasco, noi ne parliamo ugualmente.

E sì, perché il grazioso paesino oggi è addirittura finito sulle pagine del Secolo XIX, per una storia che sembra direttamente uscita da un film di Don Camillo e Peppone. Allora, i fatti sono semplici: c’è una chiesa, quella di San Michele, un campanile, che da chissà quanti anni fa il suo mestiere, e ci sono alcuni turisti infastiditi dal suono delle campane. I quali sono riusciti a zittire, con le loro proteste, il campanile.

Ma non i residenti, che evidentemente al suono delle loro campane sono affezionati, e che per far sentire la loro voce hanno scelto un modo alquanto pittoresco: tutte le mattine, alle 7, scendono in strada “armati” di pentole e coperchi e suonano l’Ave Maria.

Ora, visto che dall’alto mi dicono che noi stiamo dalla parte dei residenti e che su Facebook hanno aperto un gruppo che si chiama “Per quelli che vogliono risentire le campane a Mezzema”, se siete facebookati, iscrivetevi! Oppure partecipate al sit-in che inizierà questa sera alle 20.20 davanti al cimitero e andrà avanti ad oltranza.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

giovedì 6 agosto 2009

Napoli 1985

Doveva andare a vedere il concerto di Vasco quella sera, nella sua Napoli, insieme alla fidanzata. Ma al concerto non arrivò mai. Perché non trovò i biglietti. E perché quella sera venne ammazzato dalla camorra. Era il 23 settembre 1985. Giancarlo Siani era un ragazzo di 26 anni come tanti altri. Amava la vita, le donne, la musica. La sua colpa era quella di fare bene il proprio lavoro, quello di giornalista, per il quotidiano “Il Mattino”. I suoi articoli da Torre Annunziata gli furono fatali. A tutt’oggi è l’unico giornalista ammazzato dalla camorra.


La sua vicenda, gli ultimi quattro mesi della sua vita, sono stati recentemente raccontati da Marco Risi in un film molto bello, intitolato Fortapàsc. Siani è interpretato da Libero De Rienzo, la sua fidanzata dalla splendida Valentina Lodovini. Il film si apre con il giornalista a bordo della sua auto, mentre la radio trasmette “Ogni volta”. E allo stesso modo si chiude. Pochi minuti dopo verrà assassinato. In mezzo la sua storia, una storia poco conosciuta, lontana nel tempo, che non dev’essere dimenticata.





Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

mercoledì 5 agosto 2009

Sold out... per modo di dire

Sold out, tutto esaurito, a grande richiesta si raddoppia, triplica, quadruplica. Quante volte abbiamo letto queste frasi a proposito dei concerti di Vasco? Poi si perde qualche minuto per controllare come stanno realmente le cose e si scopre una realtà completamente diversa.

Di seguito proponiamo la situazione dei biglietti in vendita sul sito di Ticketone, verificata pochi minuti fa. Per ogni data indichiamo i settori in vendita, oppure se la prevendita è al momento chiusa. Il punto interrogativo indica che nella schermata principale appare la scritta “acquista ora”, tipica della prevendita aperta, ma che poi non si riesce ad entrare nella pagine degli acquisti.

Si può constatare come, su 32 concerti previsti, solo in 9 casi al momento non siano in vendita biglietti. Allo stesso modo si può notare che per i concerti più in là nel tempo, la disponibilità di tagliandi è ancora molto ampia. Considerando poi che devono ancora uscire diverse date (Livorno, Cagliari, estero, e chissà cos'altro...) chi vuole vedere un concerto di Vasco può dormire sonni tranquilli: le possibilità di restare senza biglietto sono davvero remote.

Pesaro 06/10/09 (tribuna primo anello)
Pesaro 07/10/09 (tribuna primo anello)
Pesaro 11/10/09 (chiusa)
Pesaro 12/10/09 (chiusa)
Ancona 16/10/09 (tribuna primo anello e gradinata ovest 2 anello)
Ancona 17/10/09 ?
Ancona 21/10/09 (tutti i settori tranne parterre)
Ancona 22/10/09 (tutti i settori tranne parterre)
Caserta 26/10/09 ?
Caserta 27/10/09 (chiusa)
Caserta 31/10/09 (chiusa)
Caserta 01/11/09 ?
Caserta 05/11/09 (posto unico)
Caserta 06/11/09 (posto unico)
Milano 05/02/10 ?
Milano 06/02/10 (chiusa)
Milano 10/02/10 (anello B)
Milano 11/02/10 (chiusa)
Milano 15/02/10 (anello B)
Milano 16/02/10 (anello B)
Milano 20/02/10 (chiusa)
Milano 21/02/10 (chiusa)
Torino 06/04/10 (primo anello)
Torino 07/04/10 (primo anello)
Torino 11/04/10 (chiusa)
Torino 12/04/10 (primo e secondo anello)
Torino 16/04/10 (tutti i settori)
Torino 17/04/10 (tutti i settori)
Bologna 22/09/10 (tutti i settori)
Bologna 23/09/10 (tutti i settori)
Firenze 12/10/10 (1° sett. gradinata inf., 1° sett. tribuna est, posto unico in piedi, 2° sett. sopraelevata)
Firenze 13/10/10 (tutti i settori tranne 1° sett. balconata)

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

sabato 1 agosto 2009

Vinile che passione!

Novità in vista per i collezionisti: i cinque album che Vasco pubblicò con la Carosello Records tra il 1982 e il 1987 saranno a breve ristampati su vinile. I primi due titoli, su vinile colorato e picture disc, saranno disponibili già da settembre. Si tratta di “Vado al massimo” (1982) e “Va bene, va bene così” (1984).

Seguiranno, anche se non è stata ancora annunciata la data, le ristampe di “Bollicine” (1983), “Cosa succede in città” (1985) e “C’è chi dice no” (1987).






Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.