Ad Menu

domenica 31 maggio 2009

Come un angelo tu volerai...

Sono passati dieci anni da quella maledetta sera di maggio. Sono passati dieci anni da quel maledetto televideo che annunciava la morte di Massimo Riva, il “chitarrista di Vasco”. Una definizione, un’etichetta, che lo accompagnò per tutta la vita e che non l’ha abbandonato nemmeno dopo morto. Una definizione a dir poco riduttiva. Perché se Riva è stato il chitarrista di Vasco, è stato anche molte altre cose. Un autore, il leader di una band, un cantante solista capace di lasciare in eredità dei piccoli e preziosi episodi di un talento indiscutibile.

Ecco, a chi vuole conoscere Massimo Riva, io consiglio di ascoltare “Matti come tutti” e soprattutto “Sangue nervoso”, i suoi due dischi, quelli che più condensano le qualità di questo artista. Certo, poi ci sono anche tutte le cose fatte con e per Vasco, la Steve Rogers Band e “Comandante Space”, il disco uscito postumo. I tasselli di un percorso che purtroppo si è interrotto troppo presto.

Io ho il rammarico di aver visto il primo concerto di Vasco nel 1989, quando Riva era uscito dal gruppo. Ho dovuto aspettare fino al 1995, Rock sotto l’Assedio, per vedere Massimino sopra quel palco. Ho il rammarico, questo enorme, di non essere andato a vederlo quando venne, nei primi anni novanta, a fare un concerto a Sestri Levante. Ho invece avuto la fortuna di conoscere i suoi dischi subito, non come è successo a molti dopo la sua morte.

Ho avuto la fortuna e l’onore di incontrarlo e di scambiare due parole con lui nel 1998, fuori dal Teatro Ariston di Sanremo, in occasione del Premio Tenco. Ho il ricordo indelebile di quella serata, e poi della registrazione a Bologna di Taratatà, e poi ancora del concerto dell’Alcatraz del 1999. Furono di fatto le sue ultime esibizioni live, prima del concerto romano del Primo Maggio e poi della sua morte. Come non dimenticherò mai il concerto di Vasco a Perugia nel 1999, il primo senza Massimo, a pochi giorni dalla sua scomparsa. Quell’atmosfera da festa triste, l’attesa, le lacrime.

Massimo Riva vive nel ricordo di chi l’ha conosciuto, come uomo o come artista. Prima o dopo, non ha importanza. Vive nei suoi dischi, che restano, come la traccia indelebile del suo passaggio in questa vita. Resta, per molti, un artista da scoprire o riscoprire. Molto si potrebbe fare per farlo conoscere di più. A dieci anni dalla sua morte, il vuoto che ha lasciato tra i fans è ancora enorme. Niente e nessuno potrà colmarlo. Noi non lo dimentichiamo.



Guadagnare Online - Cerchia Ristretta - Discomusic.gigacenter - IMPERICAWEB - Bazarissimo - Le offerte di zio71 aste shop online - Autostima.net - Discomusic - Sprintrade Network

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

0 Comments: